E-commerce, anno record

Negli ultimi dodici mesi si è verificata in Italia una crescita record dell’e-commerce, cioè del processo di acquisto e vendita di prodotti con mezzi elettronici come le applicazioni mobili e Internet.

Crescita record dell’e-commerce
Cresce ad un ritmo da record l’e-commerce nel nostro Paese tanto che, riferisce Adnkronos, la piattaforma idealo Italia ha registrato nel 2019 un aumento del fatturato del 57% con un indotto generato sul nostro territorio pari a 30 milioni di euro, di cui il 46% a vantaggio degli e-shop nazionali. “Ci sono sempre più italiani che comprano online e nuovi settori stanno sfondando nelle vendite via web”, afferma il Country Manager di idealo per l’Italia, Fabio Plebani, intervistato nel quartier generale di Berlino.

Acquisti tracciabili
A spingere in Italia i conti della piattaforma di comparazione dei prezzi, una società del Gruppo editoriale Axel Springer “è stato l’arrivo nell’e-commerce di settori come il farmaceutico che in un anno ha registrato un vero e proprio boom di vendite sul web” spiega Plebani chiarendo che però “solo le farmacie che hanno una sede fisica possono aprire un sito di vendite via internet”. A trainare le vendite online “sono anche i settori della profumeria, dell’elettronica, gli acquisti di pneumatici per le auto ed i pezzi di ricambio” dice Plebani. Secondo il manager, a incidere sulla solida avanzata sono state anche “le nuove policy fiscali italiane a vantaggio degli acquisti tracciabili. E’ tutto ciò che avvicina sempre più utenti italiani all’e-commerce”.

Trend
“Siamo convinti che il business dell’e-commerce crescerà ancora molto in Italia e questa tendenza sta facendo bene anche ai piccoli e-shop nazionali cresciuti di 14 punti percentuali, pari al 44%, grazie all’indotto che abbiamo generato in Italia arrivato a 30 milioni di euro nel 2019, di cui il 46% a vantaggio dei negozi online” del Bel Paese. E Plebani è convinto che il trend sia destinato a crescere ancora visto che i negozi online presenti nel catalogo italiano di idealo sono ormai distribuiti su tutta la penisola. “A inizio 2020, le regioni con il maggior numero di e-shop sono Lombardia, Campania, Lazio, Emilia Romagna e Puglia”, valuta il Country manager.

Stile Apple
“A fronte di questi dati -osserva- stimiamo anche una crescita di occupazione visto che verifichiamo una più rapida alternanza di nostri interlocutori italiani che lavorano negli e-shop”. “La nostra mission implicita -spiega- è aiutare i piccoli negozi, oggi dominati da colossi come Amazon, e la nostra crescita di fatturato mostra che sono cresciuti anche i piccoli negozi aperti sul web”. Dunque “il 2019 si è dimostrato l’anno migliore nella storia di idealo Italia” scandisce Plebani. A guardare i bilanci, idealo Italia ha archiviato il 2019 con un utile netto del cresciuto del +15% rispetto al 2018 e la crescita delle intenzioni di acquisto è stata del +56,3%. Aumentati anche gli utenti che nel 2019 hanno usato per la prima volta il prezzo ideale, +19,9% rispetto al 2018. Cresciuto “esponenzialmente anche l’utilizzo della App di idealo +1044% di installazioni e con un +791% di utenti attivi mensili rispetto al 2018” riferisce ancora Plebani. Forte di questi numeri, e dei “50mila negozi online tra Italia, Germania, Francia, Spagna, Regno Unito e Austria”, idealo a Berlino sta per traslocare dai suoi vecchi uffici. La nuova sede sarà un campus. Sullo stile Apple.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *