I risparmi al tempo del virus

L'emergenza Coronavirus offre ghiotte occasioni. Il parere degli esperti: puntare sui tassi Usa a lungo termine ma anche sull'oro, sullo yen e sul franco svizzero

In periodi di emergenza alcuni investitori, presi dal panico, potrebbero fare mosse azzardate e rischiare di finire travolti dalla volatilità dei mercati. Ecco perché, ai tempi del coronavirus, è importante navigare in borsa con la massima prudenza e tutelare i propri investimenti.

Fra i consigli da seguire, sottolinea il quotidiano Il Messaggero, ci sono innanzitutto alcuni piccoli accorgimenti da fissare in memoria. Tra questi: diminuire gli asset rischiosi in portafoglio, attuare scelte più difensive del solito ma soprattutto adottare una strategia che guardi al lungo periodo. Amundi, società di asset management, ha spiegato che l'esposizione ai mercati azionari ha fin qui permesso di godere di benefici di ogni tipo ma che adesso l'incertezza derivante dal coronavirus ha ridefinito lo scenario.

Data la situazione è molto conveniente puntare sui tassi Usa a lungo termine ma anche sull'Oro, sullo yen e sul franco svizzero. Per quale motivo? Matteo Germano, Chief investment officer di Amundi spiega che quelli appena citati sono “asset che fungono da bene rifugio nelle fasi di tensione ma anche di protezioni su azioni e credito”.

Per quanto riguarda i bond gli esperti consigliano di preferire il debito societario europeo investment grade, lo stesso che è supportato tanto dal Quantitative easing della Bce quanto dalla domanda degli investitori. Sul fronte hig yield, Europa in vantaggio sugli Usa. È preferibile puntare sul Vecchio Continente in quanto oltre Oceano c'è un mercato caratterizzato da “maggiore leva finanziaria”.

Titoli italiani e altre occasioni

Arriviamo al fronte italiano. In Italia la situazione di emergenza scaturita dalla diffusione del coronavirus ha creato paura all'interno della società ma anche timore nei mercati azionari. Il governo ha aggiustato il tiro facendo capire agli investitori che la lotta al Covid-19 è il primo obiettivo conclamato ma nel frattempo, quanto accaduto, ha prodotto effetti più o meno seri sull'intero sistema. A questo proposito vale la pena prendere in esame l'impennata dello spread Btp-Bund, schizzato oltre i 160 punti, ma anche il rendimento del titolo decennale all'1,07%.

I titoli italiani, dunque, sono deboli. Eppure non mancano le occasioni, agevolate dal piano di acquisti della Bce e dai rendimenti positivi offerti dall'Italia. Oltre i confini del nostro Paese, l'azione delle varie banche centrali potrebbero offrire altrettante opportunità in merito ai bond sovrani asiatici.

Capitolo azionario. I tassi di interesse sono bassi quindi è impossibile non prescindere dall'azionario nonostante le minacce rappresentate dal coronavirus, a maggior ragione per i soggetti interessati a conservare il loro patrimonio a lungo termine. Prendiamo a titolo esemplificativo i profitti delle aziende Usa: i loro profitti sono destinati ad azzerarsi in caso di pandemia. È però pur vero che le valutazioni del mercato azionario americano hanno retto anche di fronte a tassi di interesse record.

Speciale: